14 novembre 2012: prima giornata dell'Amicizia Italia-Marocco.

L’impegno dei giovani per una nuova cultura senza barriere tra Italia e    Marocco: premiato Abdessamad El Jauzi, del MoVI           

     A conoscerlo non si hanno dubbi: è decisamente un giovane colto, educato, preparato, con grande capacità relazionali, sia con gli italiani, sia con i propri connazionali. Questa sua voglia di “esserci” e di “fare”, infatti, lo ha portato a fondare un’associazione “Cantieri dei Giovani Italo Marocchini”,  che da anni opera per sostenere i giovani e valorizzarne le competenze, ed è diventato un punto di riferimento sicuro tra le nuove generazioni di italo-marocchini e le istituzioni, facendo parte,  da diverso tempo,   della grande famiglia  del MoVI, Movimento di Volontariato Italiano.      
      L’Associazione di Amicizia e Cooperazione Italia-Marocco, creata nel 2011 per promuovere la cooperazione tra i due Paesi, celebra  il 14 novembre 2012 la prima Giornata dell’Amicizia tra Italia e Marocco.     
    Nell’ambito di tale evento, destinato ad essere rinnovato ogni anno, che ha come obiettivo quello di far conoscere lo sviluppo e l’evoluzione del partenariato marocco-italiano, di mobilitarne gli attori e di promuovere l’Associazione, sono stati  assegnati  i premi destinati a onorare gli interpreti più attivi nell’ambito del partenariato tra i due Paesi.    
     La giuria ha deciso di assegnare al giovane Abdessamd El Jaouzi il Premio per la Sezione GIOVANI, perché attraverso l’associazione da lui creata, Cantieri dei Giovani Italo Marocchini, ha reso possibile una perfetta integrazione tra le due diverse culture.    
     La premiazione si è svolta presso l’Auditorium Ateneo Pontificio Regina Apostolorum  in Roma, nell’ambito di una serata di gala a cui hanno partecipato  esponenti istituzionali e non del partenariato Italia-Marocco.

Commenti (0)

500 caratteri rimanenti

Cancel or