ACQUA ACCESSIBILE : IL MARE DI TUTTI

13 giugno 2014  ore 15,00-18,00 -  Aprilia (LT),  Sala Manzù, Piazza Marconi Biblioteca Comunale.

Con il ritorno dell’estate   torna a galla, purtroppo, l’inacessibilità al mare per le persone con disabilità, inagibile nella maggior parte delle coste italiane.


Molti operatori turistici, infatti,   non curano la fetta di mercato legata alle persone con disabilità, 50 milioni in Europa che si muovono per turismo e 35 miliardi di Euro di fatturato complessivo (ogni disabile è valutato come consumatore moltiplicato per 2,8, essendo sempre accompagnato) per cui ci ritroviamo, anche per l’estate 2014, con il concetto di “non discriminazione” quasi completamente disatteso,  nonostante la non discriminazione sia affermata in tutta Europa, dal trattato di Lisbona e dalla ratifica della Convezione ONU sui diritti delle persone con disabilità, in Italia anche dalla Legge 104/92 alla Legge 503/96.

Con “Acqua Accessibile: mare per tutti” inizia la campagna di sensibilizzazione per l’estate 2014, volta a favorire l’accessibilità fruibile al mare, stimolando  amministrazioni pubbliche e operatori economici ad accelerare il percorso verso un disegno universale  di servizi, strutture e prodotti attraverso una rete di associazioni.

La rete, formata da A.I.S.A. Lazio Onlus, (Associazione Italiana per la lotta alle Sindromi Atassiche del Lazio), in collaborazione con Aps Approdo Paulus di Anzio, CESV-SPES (Centri servizi per il volontaria della Regione Lazio),  MoVI, (Movimento Volontariato Italiano), Aps ADAM Accessibility,  è da sempre impegnata nello sviluppo di progetti ed iniziative, in un’ottica di sostegno globale alle persone con disabilità.

Anche per il 2014 l’impegno è ai massimi livelli nel territorio costiero laziale, anche a seguito di numerosi protocolli d’intesa siglati con operatori turistici del litorale e con realtà sociali impegnate nell’inclusione delle persone con disabilità quali Aps Approdo Paulus, con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di nuove idee e soluzioni concrete per migliorare i servizi e la qualità della vita delle persone con disabilità. 

Commenti (0)

500 caratteri rimanenti

Cancel or