TUTTI AL MARE.....CON IL Mo.V.I.

Acqua accessibile, mare per tutti

Tavola Rotonda

Aprilia (LT), 13 giugno 2014  ore 15,00-18,00  

Sala Manzù, Biblioteca Comunale, Piazza Marconi



 
Con il ritorno dell’estate   torna a galla, purtroppo, l’inacessibilità al mare per le persone con disabilità,  nella maggior parte delle coste italiane.

Molti operatori turistici, infatti,   non curano la fetta di mercato legata alle persone con disabilità, 50 milioni in Europa che si muovono per turismo e 35 miliardi di Euro di fatturato complessivo (ogni disabile è valutato come consumatore moltiplicato per 2,8, essendo sempre accompagnato) per cui ci ritroviamo, anche per l’estate 2014, con il concetto di “non discriminazione” quasi completamente disatteso,  nonostante la non discriminazione sia affermata in tutta Europa, dal trattato di Lisbona e dalla ratifica della Convezione ONU sui diritti delle persone con disabilità, in Italia anche dalla Legge 104/92 alla Legge 503/96.

Con “Acqua Accessibile: mare per tutti” inizia la campagna di sensibilizzazione per l’estate 2014, volta a favorire l’accessibilità fruibile al mare, stimolando  amministrazioni pubbliche e operatori economici ad accelerare il percorso verso un disegno universale  di servizi, strutture e prodotti attraverso una rete di associazioni.

La rete, formata dal Mo.V.I. Lazio (Movimento di Volontariato Italiano),  A.I.S.A. Lazio Onlus, (Associazione Italiana per la lotta alle Sindromi Atassiche del Lazio), in collaborazione con Aps Approdo Paulus di Anzio, CESV-SPES (Centri servizi per il volontariato della Regione Lazio), Aps ADAM Accessibility,  è  impegnata nello sviluppo di progetti ed iniziative, in un’ottica di sostegno globale alle persone con disabilità.

Anche per il 2014 l’impegno è ai massimi livelli nel territorio costiero laziale, anche a seguito di numerosi protocolli d’intesa siglati con operatori turistici del litorale e con realtà sociali impegnate nell’inclusione delle persone con disabilità quali Aps Approdo Paulus, con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di nuove idee e soluzioni concrete per migliorare i servizi e la qualità della vita delle persone con disabilità.
movi

ACQUA ACCESSIBILE : IL MARE DI TUTTI

13 giugno 2014  ore 15,00-18,00 -  Aprilia (LT),  Sala Manzù, Piazza Marconi Biblioteca Comunale.

Con il ritorno dell’estate   torna a galla, purtroppo, l’inacessibilità al mare per le persone con disabilità, inagibile nella maggior parte delle coste italiane.


Molti operatori turistici, infatti,   non curano la fetta di mercato legata alle persone con disabilità, 50 milioni in Europa che si muovono per turismo e 35 miliardi di Euro di fatturato complessivo (ogni disabile è valutato come consumatore moltiplicato per 2,8, essendo sempre accompagnato) per cui ci ritroviamo, anche per l’estate 2014, con il concetto di “non discriminazione” quasi completamente disatteso,  nonostante la non discriminazione sia affermata in tutta Europa, dal trattato di Lisbona e dalla ratifica della Convezione ONU sui diritti delle persone con disabilità, in Italia anche dalla Legge 104/92 alla Legge 503/96.

Con “Acqua Accessibile: mare per tutti” inizia la campagna di sensibilizzazione per l’estate 2014, volta a favorire l’accessibilità fruibile al mare, stimolando  amministrazioni pubbliche e operatori economici ad accelerare il percorso verso un disegno universale  di servizi, strutture e prodotti attraverso una rete di associazioni.

La rete, formata da A.I.S.A. Lazio Onlus, (Associazione Italiana per la lotta alle Sindromi Atassiche del Lazio), in collaborazione con Aps Approdo Paulus di Anzio, CESV-SPES (Centri servizi per il volontaria della Regione Lazio),  MoVI, (Movimento Volontariato Italiano), Aps ADAM Accessibility,  è da sempre impegnata nello sviluppo di progetti ed iniziative, in un’ottica di sostegno globale alle persone con disabilità.

Anche per il 2014 l’impegno è ai massimi livelli nel territorio costiero laziale, anche a seguito di numerosi protocolli d’intesa siglati con operatori turistici del litorale e con realtà sociali impegnate nell’inclusione delle persone con disabilità quali Aps Approdo Paulus, con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di nuove idee e soluzioni concrete per migliorare i servizi e la qualità della vita delle persone con disabilità. 

Strade nuove a Monterotondo...fa il bis!

NUOVI CITTADINI PER NUOVE COMUNITA’


Si è svolto a Monterotondo sabato 5 aprile il secondo laboratorio su volontariato e cittadinanza, organizzato da Primavera ’86, MoVI Lazio e CSV-SPES, con il patrocinio del Comune di Monterotondo.
Numerosi i partecipanti, tra cui cittadini, studenti delle scuole superiori di Monterotondo, l’Assessore al Volontariato Gabriella Fagnani, la dirigente scolastica dell’Istituto Superiore Fra Martino, la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Loredana Campanari – che ci ha ospitato nel proprio teatro – prof.sa Mirella Galluzzi .
Partendo dal percorso iniziato con il laboratorio dello scorso anno “Non ci facciamo i fatti nostri – Volontariato di prossimità e welfare di cittadinanza”, i partecipanti sono stati subito coinvolti a far parte dei gruppi di lavoro tematici su scuola e il volontariato, scuola e i genitori, nuovi percorsi per il volontariato e nuove povertà emergenti.
Sulle note  coinvolgenti – ed emozionanti – dello Schiaccianoci di Chiajkowski, magistralmente interpretato dai ragazzi dell’orchestra della scuola Campanari, si sono susseguite le testimonianze sull’amicizia, raccontata da Claire Silbermann della Comunità di S. Egidio, sulle scuole aperte, illustrate da Gianluca Cantisani del MoVI Lazio, sulla ludopatia, con Ugo Sinibaldi di ARCI-Ragazzi, e sul volontariato sanitario con Silvana Zambrini di ANTEA.
E’ stato interessante condividere modalità con le quali i volontari devono fare, della cura dei beni comuni, uno spazio proprio del loro impegno, proprio perché la cura per i beni comuni è una forma di esercizio della cittadinanza attiva. Allo stesso tempo, è risultato evidente come il volontariato sia un bene comune per un territorio, una risorsa, un “capitale”, uno spazio di cui prendersi cura. L’appuntamento è per il prossimo anno, sempre percorrendo… Strade Nuove per l’Italia.
Le conclusioni sono state affidate alle parole dei partecipanti, che hanno descritto le emozioni provate con una parola di valutazione finale:  saper comunicare, rivediamoci, crescere, partecipazione, mettiamoci in moto, cittadinanza attiva, incontro e concretezza, saper sorridere, amore, sensibilità, disponibilità, saper ascolta e un’ora del tuo tempo. 
Lucia Giammarinaro, coordinatrice del laboratorio, ha chiuso i lavori con l’invito a rivedersi e confrontarsi sui percorsi fatti. L’appuntamento  è per il prossimo anno, sempre percorrendo… Strade Nuove per l’Italia.