strade nuove per l'Italia

Strade nuove per l’Italia: Scuole aperte al centro di Roma

    
Se ne parla il 22 marzo 2014, presso la scuola Di Donato di Roma, dalle ore 10,00 alle 17,00,  durante un incontro organizzato dagli stessi genitori della Scuola e dal MoVI.
Da 10 anni c’è una scuola pubblica che è aperta tutti i giorni fino a sera e spesso anche il sabato, la domenica, d’estate. E’ il plesso Di Donato dell’Istituto Comprensivo Manin di Roma.

Aprire le scuole dopo l’orario scolastico è oggi una idea diffusa in Italia che tuttavia raccoglie intorno a sé obiettivi diversi che non sempre sono “sostenibili”, tant’è che esperienze di Scuole Aperte stentano a nascere o, anche una volta nate sotto una forte spinta pubblica, non riescono a consolidarsi.

 

Da alcuni anni, diventati un caso “nazionale”,  i genitori/cittadini attivi cresciuti all’interno del’esperienza Di Donato si sono chiesti se la loro esperienza è veramente un modello o se invece, viste le difficoltà ad essere replicato, non è piuttosto una anomalia.  La riflessione ha permesso di scoprire che l’esperienza Di Donato è fondata saldamente sul principio di sussidiarietà della Costituzione (art.118 quarto comma); essa è frutto, quindi, del cambiamento in corso a partire dalle pratiche di cittadinanza attiva riconosciute nel 2001 da quel comma della costituzione che tuttavia, ancora oggi, stenta ad essere compreso e applicato.  
La giorata di studio si propone di far emergere le caratteristiche di un modello sostenibile di Scuola Aperta in modo che possa essere accolto dalle istituzioni, sostenuto, promosso, sviluppato;  collegare e scambiare le esperienze già in corso dei genitori nella città di Roma per rafforzarli nel ruolo di cittadini attivi riformatori “dal basso” della società.

di seguito il programma dei lavori:


IL PROGRAMMA


 

Sabato 22 marzo 2014 - ore 10-17 - via Bixio 83, Roma

Giornata di studio e di incontro sulla sussidiarietà nella scuola con amministratori pubblici e genitori/cittadini attivi con facilitazione della partecipazione di tutti

 

SCUOLE APERTE: UN MODELLO SOSTENIBILE 10 anni di esperienza dei genitori della Scuola Di Donato

 

ore 9.30 – Accoglienza e conoscenza

Ore 10.15 - Saluti 

Massimo Arcà, presidente Associazione Genitori Scuola di Donato,

Maria Letizia Ciferri, dirigente scolastico Istituto Comprensivo Manin,

Alessandra Cattoi, Assessore alla Scuola Roma Capitale

Ore 10.30 - Tavolo di scambio e di confronto sulle esperienze

- Mario Casari Associazione Genitori Scuola Di Donato 10 anni di esperienza dei genitori Di Donato,

- Leonardo Carocci, Mediazione Sociale, Cura della comunità, scuola e territorio

- Gregorio Arena, Laboratorio per la sussidiarietà, Dalla delega all’amministrazione condivisa

- Esperienze a confronto: amministratori locali e dirigenti scolastici ed associazioni di genitori

(Scuole Di Donato e Franchetti e Municipio I, Municipio III, Scuola Pisacane e Municipio V, Scuola Garibaldi e Municipio VII, Scuola Marchetti Senigallia An, …)

- Sabrina Alfonsi, presidente Municipio Roma I Centro

 

ore 14.30 – Gruppi di scambio e di confronto con i Genitori delle Scuole Roma

Gruppi di confronto e condivisione sui temi principali di una “scuola aperta sostenibile”:

- gli SPAZI da utilizzare nelle scuole (disponibilità, accessibilità, organizzazione …)

- le REGOLE d’uso dei beni comuni nelle scuole (orari, normativa, regolamenti, tutele, opportunità …)

- la SUSSIDIARIETA’ (l’azione sussidiaria e non sostitutiva dei genitori, la gratuità, la cura dei beni comuni, il dialogo/i rapporti con Scuola/Comune/altre istituzioni, lo scambio con la città/il territorio, …)

Ore 17 - Conclusione della giornata e programmazione prossima tappa

 

E’ possibile venire con i bambini. La Ludoteca con operatori ed il Cortile saranno aperti durante le sessioni di lavoro.

 

STRADE NUOVE PER L'ITALIA A CIVITAVECCHIA

 
“il Testimone del Volontariato”
INCONTRO-INTERVISTA
Il bello di essere………solidali !
Dall’indifferenza al coinvolgimento dei cittadini
Giovedì 28 novembre 2013 - Ore 15,30
Aula Magna IIS “Viale Adige”, Via della Polveriera 2
Civitavecchia
.
 
“Il Testimone del Volontariato”, ha lo scopo di raccogliere e promuovere le “testimonianze positive” della vita delle Associazioni di Volontariato, realizzando una comunicazione che ha come obiettivo quello di far conoscere le positività di questo mondo, creare emulazione, e soprattutto attrarre nuovi volontari.
Un impegno sicuramente ambizioso che nasce dalle istanze delle Associazioni di Volontariato, le quali negli ultimi anni stanno affrontando una grave carenza di volontari che mette a repentaglio non solo la loro attività ma anche la loro sopravvivenza.
 
Il Coordinamento del volontariato di Civitavecchia si prefigge di promuovere e costituire uno spazio sociale aperto, come momento di aggregazione e confronto per il sostegno e la crescita della 'cittadinanza attiva' sensibilizzando l'opinione pubblica, e in particolare le giovani generazioni, all'importanza del volontariato in quanto espressione della partecipazione gratuita e diretta dei cittadini organizzati in attività finalizzate alla soluzione di problemi e interessi comuni. Il Mo.V.I. – Movimento di Volontariato Italiano, federazione regionale Lazio, in quanto Federazione di Associazioni impegnate nei diversi settori del sociale, ha come obiettivo il coordinamento e il sostegno di queste attività, la garanzia dei valori del volontariato e la difesa dei diritti non solo di chi ha bisogno, ma anche delle stesse Associazioni. L’occasione di questo incontro è anche riprendere insieme un cammino rinnovato – Strade Nuove per l’Italia, appunto - ricco di nuove, significative, esperienze e alla costruzione e messa in rete di contenuti, esperienze ed azioni per valorizzare e potenziare il patrimonio operativo dei singoli cittadini e delle associazioni e dei gruppi territoriali di “impegno civile”.
 
ORGANIZZAZIONE e SEGRETERIA
Coordinamento delle Associazioni di Volontariato Partecipanti di Civitavecchia: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.: tel. 3473148761
Mo.V.I. Lazio:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.: tel. 06 6537001 - 3386587734
COME RAGGIUNGERCI:
Da uscita Civitavecchia Nord della A12 Roma-Civitavecchia prendere direzione Civitavecchia su Via Terme di Traiano. Girare a destra in via dell’Immacolata e proseguire fino a via della Polveriera.
GLI ATTI DEL PRESENTE INCONTRO-INTERVISTA SARANNO A DISPOSIZIONE DI TUTTI (ISTITUZIONI, SCUOLA, VOLONTARIATO, CITTADINI) PER LA PIU’ AMPIA DIFFUSIONE E SENSIBILIZZAZIONE SUL TEMA DELLA SOLIDARIETA’.

strade nuove per l'Italia a Ladispoli

ANCORA INSIEME AL PARCO DEGLI ANGELI

 

Si è svolto sabato 20 luglio,  nella splendida cornice del Parco degli Angeli, a Ladispoli, l’incontro tra associazioni di volontariato e rappresentanti degli enti locali, organizzato dall’associazione Nuove Frontiere, in collaborazione con il MoVI Lazio , per  parlare di volontariato di prossimità.

Nell’incontro è emersa la volontà unanime dei partecipanti di dare risposte adeguate agli avvenuti cambiamenti sociali. A tal fine  va rinnovato il linguaggio e costruite ipotesi di percorsi alternativi da praticare per un nuovo modo di fare volontariato.

Non va sottaciuto il disagio che stiamo vivendo in una società che ha qualche difetto, che è grave oggi non vedere. Bisogna rimettersi in cammino e imparare a prendersi le proprie responsabilità. Per anni ha prevalso una cultura individualista, il mettersi gli uni contro gli altri;  oggi è venuto il momento di mettere al centro la persona e i principi del bene comune. “Prossimità” vuol dire “preoccuparsi di quello che c’è intorno”, trovando insieme le soluzioni ai problemi, da cittadini e non solo da volontari, con la consapevolezza che la gratuità è il fondamento del vivere civile.

Tra le varie esperienze raccontate dai presenti, di particolare importanza quella relativa all’apporto che Nuove Frontiere insieme all’AVO di Ladispoli sta dando agli amici libanesi per l’inserimento dei giovani disabili nel sistema scolastico attraverso la formazione di operatori professionalizzati. Esperienza che ha coinvolto la Chiesa Maronita la Provincia di Roma, la Università Salesiana ed Università libanesi, ed ovviamente le rispettive ambasciate dei due Paesi. Ciò è stato possibile grazie alla perseveranza di una volontaria di origine libanese che ha coinvolto le istituzioni pubbliche e diplomatiche italiane e libanesi, esperienza mai vissuta in Libano, notoriamente Paese sottoposto a forti pressioni multireligiose e politiche.

Al termine dell’incontro una promessa ed un impegno: rivedersi periodicamente al Parco degli Angeli, promosso da tutti i presenti “centro” di aggregazione e confronto tra l’associazionismo locale e le istituzioni, per una verifica del percorso comune da intraprendere.

Parco degli Angeli infatti, per quanto è una struttura dell’associazione Nuove Frontiere, lo possiamo annoverare tra i beni comuni e va ringraziata questa associazione che ha aperto le sue porte alle realtà del volontariato ed associative della zona per farne un luogo di condivisione e di reciproco arricchimento.

L’unica contropartita che chiede Nuove Frontiere è che tutte le azioni intraprese abbiano una ricaduta positiva sui suoi giovani disabili. Ma questo è un dovere che ci viene richiesto prima di tutto dalla nostra coscienza e dalla nostra Costituzione.